Italia del Vino - Expo 2015
Ricerca

 


(04/07/2013) - Come aprire un'impresa agricola in 10 mosse

Sempre più giovani puntano sulla campagna, una rivoluzione culturale analizzata all'assemblea nazionale della Coldiretti

Come aprire un'impresa agricola in 10 mosse

Sono ad oggi arrivate a 59mila le imprese agricole gestite da under 35.

 Il 45,3 per cento è diplomato, l’11,2 per cento laureato. I giovani non scommettono più su altri ambiti. La campagna è diventata l’unica alternativa alla fuga all’estero, il comparto sembra essere il solo sbocco per ora in Italia a dare qualche prospettiva. Lo scenario attuale dell’agroalimentare è stato presentato e commentato all’Assemblea Nazionale della Coldiretti che si tiene oggi a Roma alla presenza dei Ministri dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, del Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, e del  Ministro delle Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo. Quindicimila i produttori da tutta Italia accorsi per  partecipare all’incontro.

Il dato emerso all’Open Space “Mollo tutto, nuova vita in campagna”, sipario dedicato a case history di successo firmate da giovani che hanno puntato tutto sull’agricoltura, è una rivoluzione culturale in atto. “Oggi si registra  un profondo cambiamento rispetto al passato, quando la vita in campagna era considerata spesso sinonimo di arretratezza e ritardo culturale nei confronti di quella in città”, ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che “si tratta di una vera rivoluzione, con il contatto con la natura ed i suoi prodotti che è diventato premiante rispetto all’impegno negli strumenti finanziari di un istituto di credito o nei prodotti fortemente pubblicizzati di una grande multinazionale”.

Il 70 per cento delle imprese condotte da giovani iscritte alla Camera di Commercio opera in attività multifunzionali: dall’agriturismo alle fattorie didattiche, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell’uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, gelati e addirittura cosmetici.

Per trasformare il desiderio di diventare agricoltore la Coldiretti ha presentato il vademecum su “Come aprire una azienda agricola”.

Le 10 mosse

1) Avere un’ “idea” d’impresa intorno alla quale sviluppare un progetto di sviluppo. Avere un’idea di impresa agricola significa individuare che tipo di “imprenditore agricolo” si vuole essere o diventare: imprenditore agricolo più “tradizionale” (produzione in un specifico comparto) o più “innovativo” e “diversificato” sfruttando, a 10 anni (18 maggio 2001/2011) dalla sua introduzione, le opportunità offerte dalla legge di orientamento in agricoltura. Inoltre, avere un’idea di impresa significa valutare quali leve strategiche si intendono attivare: innovazione, vendita diretta, reti, territorio, qualità, agroenergie, agriturismo, fattoria didattica.

2) Analisi delle caratteristiche e delle potenzialità aziendali tramite l’osservazione del territorio, del mercato, dei concorrenti e delle normative vigenti. Significa analizzare, servendosi di appositi consulenti le componenti di base per avviare l’impresa agricola, una volta esplicitata l’idea.

3) Confrontarsi con gli altri che hanno già fatto esperienze simili in Italia o in Europa per cogliere le sfumature e focalizzare al meglio le idee.

4) Trasformare l’”idea” in un progetto di sviluppo imprenditoriale. Si tratta di determinare gli obiettivi generali del progetto, quelli specifici, i risultati attesi e le azioni e le risorse necessarie per raggiungerli. Si tratta di farsi redigere da adeguati specialisti e professionisti un Business plan economico finanziario accurato e in grado di reggere al mercato e alle richieste di finanziamento pubblico e privato.

5) Ricerca della fonte di finanziamento. Sulla base dell’idea progettuale valutare la possibile fonte di finanziamento nell’ambito delle politiche di sviluppo rurale (insediamento giovani, investimenti, qualità, pacchetto giovani). Per l’acquisto di terra verificare la possibilità di un mutuo presso Ismea nel ambito dei finanziamenti della piccola proprietà contadina.

6) Presentazione del progetto per il finanziamento pubblico. Si tratta di fare la domanda per l’accesso al finanziamento unitamente alla presentazione del Business Plan. Necessaria l’assistenza di un centro Caa e la consulenza di un professionista per la parte tecnica. Oggi questo è il punto su cui si incaglia il meccanismo di avvio di un’impresa agricola. Infatti le procedure per accedere alle risorse dei Piani di Sviluppo Rurali (Psr) specificatamente dedicate ai giovani prevedono in media 275 giorni tra l’approvazione del programma e l’uscita del bando; 248 giorni tra la fine della raccolta delle domande e i decreto di concessione del contributo (istruttoria); tra i 18 e i 24 mesi per l’erogazione del contributo.

7) Presentazione del progetto per il finanziamento privato. Numerose banche offrono condizioni vantaggiose per i giovani anche grazie ad accordi con Creditagri Italia, il primo consorzio fidi nazionale, per la ricerca delle migliorie condizioni di accesso al credito e del prodotto finanziario più adatto. Particolare attenzione va riposta nella concessione della garanzie. Si tratta di un assaggio fondamentale per “non giocarsi” il capitale fisico appena costituito o i “risparmi” di papà.

8) Una formazione di base in campo agricolo è importante, ma non decisiva anche perché sono numerosi i corsi di formazione professionale organizzati a livello regionale per acquisire competenze e avere la qualifica di imprenditore agricolo dal punto di vista fiscale. Frequentarli è un modo per apprendere, ma anche per tessere una rete di rapporti con altri colleghi.

9) Per avviare un impresa agricola non sono molti gli adempimenti necessari nè i relativi costi dal punto di vista burocratico. Infatti tre sono i passaggi fondamentali:
- Apertura di una Partita Iva presso l’Agenzia delle Entrate.
- Iscrizione al Registro delle imprese, sezione speciale Agricoltura, presso la competente Camera di Commercio se si prevede di realizzare un fatturato superiore ai 7000 euro/anno.
- Iscrizione e dichiarazione presso l’Inps.

10) La burocrazia è un peso non solo nell’avvio, ma anche nell’esercizio dell’attività imprenditoriale. Il settore agricolo è ancora pieno di una pletora di adempimenti quotidiani (che si allungano ad elastico a seconda della branca di attività) che tolgono all' impresa agricola 2 giorni di lavoro a settimana da distrarre dall’attività di impresa vera e propria: 100 giorni l’anno.

da www.cronachedigusto.it

married and want to cheat reasons why wives cheat on their husbands infidelity
link click women who like to cheat
click here why do women cheat my fiance cheated on me
why people cheat in marriage redirect reasons wives cheat on husbands
read here click here woman affair
read dating for married reasons married men cheat
abortion pill pittsburgh abortion pill pain surgical abortion process
gabapentin and bad taste gabapentin and bad taste gabapentin and bad taste
cialis coupon 2015 open printable cialis coupon
cialis coupons printable prostudiousa.com coupons for prescription medications
nortriptyline tablet harshpande.net nortriptyline nedir
free cialis coupon 2016 read coupons for prescription drugs
coupons for prescription drugs coupons cialis coupons for cialis 2016

IN VETRINA
Tenuta Stella
Scheda Cantina »»