Italia del Vino - Expo 2015


Ricerca

 


27 giugno 2010, Cammina e Gusta...la Valtellina a Santa Caterina

Si è conclusa con grande successo Cammina e Gusta...la Valtellina a Santa Caterina, la camminata enogastronomica nel Parco Nazionale dello Stelvio, giunta quest'anno alla sua seconda edizione, con la quale si inaugura la stagione turistica estiva 2010 a Santa Caterina Valfurva.

27 giugno 2010, Cammina e Gusta...la Valtellina a Santa Caterina

840 entusiasti partecipanti suddivisi in 10 gruppi, accompagnati da 2 guide ciascuno, hanno seguito il suggestivo percorso a tappe (organizzato da 150 volontari) alla scoperta dei sapori della Valtellina.
Uno di questi 840 ero io, invitato dal Consorzio Tourisport di Santa Caterina per raccontare la Manifestazione.

La giornata è iniziata nel modo migliore, grazie alle splendide condizioni atmosferiche che hanno permesso di godere dei magnifici colori dei boschi intorno a Santa Caterina: domenica 27 è stata la più bella giornata di sole dell'anno.

Le prime tappe del percorso prevedono l'attraversamento dei boschi di Speluga, Li Nanza e Nasegn, con punti di ristoro in cui ci viene offerta di volta in volta acqua, infuso ai frutti di bosco, la Rosumada (una sorta di zabaione valtellinese con aggiunta di vino rosso) e pane e marmellata.
Percorriamo i saliscendi di questi primi km del percorso insieme ad una delle guide, la bionda e simpatica Marianna, soddisfatta nel sentire i commenti entusiasti dei partecipanti.

Io stesso non lesino i complimenti, prometto di partecipare anche alla prossima edizione, che si terrà il 26 giugno 2011, ma soprattutto prendo l'impegno di presentarmi l'anno prossimo con 10 kg di meno: sicuramente farò meno fatica.
Attraversiamo Parco Isola, dove ci divertiamo con un piccolo spettacolo organizzato nel bosco dai bambini di Santa Caterina in costume tipico valtellinese, ed arriviamo al Centro La Fonte, dove ci aspetta un tagliere di tipici salumi salumi valtellinesi accompagnati da vari vini tra cui lo Tzapel di Rainoldi.

Partenze scaglionate

Bambini in costumi tipici valtellinesi

Con la seggiovia raggiungiamo il rifugio Paradiso, dove ci viene offerto un piatto di gnocchi saraceni alla salsiccia e funghi (veramente ottimi) innaffiato dal Rosso di Valtellina di Bettini e Negri.

Un ulteriore sforzo in salita ci fa raggiungere il Rifugio Palù, tappa con minestra di ortiche e patate.
Qui conosciamo Barbara, venuta da Lecco per trascorrere una giornata in montagna insieme al marito Paolo e agli amici Massimo ed Emanuele.Le facciamo tanti complimenti ed auguri perchè è ormai al sesto mese di gravidanza.

Musica al Rifugio Paradiso

Prendiamo la cabinovia Vallalpe ed arriviamo alla Cresta Sobretta, la quota più alta raggiunta (2.750 m), da cui ammiriamo il panorama di tutte le cime del gruppo Ortles-Cevedale, grazie anche alla disponibilità delle guardie del corpo forestale dello stato presenti sul luogo per offrire informazioni.
Complimenti all'organizzazione che ci fa trovare a quasi 3.000 m degli ottimi vini Valtellinesi.

Vini alla Cresta Sobretta

Immensità dei Monti


Al Rifugio Sunny Valley, camminando tra le ultime chiazze di neve, dopo aver gustato il piatto forte della giornata, la mitica polenta concia con carne in umido, ci rilassiamo godendoci lo splendido sole, e facciamo una chiacchierata con alcuni degli organizzatori della manifestazione.
Innanzitutto con Beppe Bonseri, proprietario della struttura, ma soprattutto Presidente del Consorzio Tourisport di Santa Caterina.
Beppe ci racconta come in passato Santa Caterina abbia attraversato momenti d'oro ma anche di crisi, dovuti all'invecchiamento degli impianti. I mondiali di sci del 2005, con il rifacimento degli stessi, hanno rappresentato un punto di ripartenza.
Cammina e Gusta fa parte di questo percorso di rilancio: l'idea è far conoscere Santa Caterina e il suo territorio non solo d'inverno ma anche d'estate, facendo apprezzare e scoprire i prodotti del territorio.

Chiedo a Beppe quanto lavoro e quante persone ci sono dietro alla riuscita di una manifestazione come questa: mi dice che circa 150 volontari oggi stanno lavorando, e rappresentano la pressochè totalità degli operatori di Santa Caterina.
Interviene anche il Sindaco, Gianfranco Saruggia, che conferma la voglia e la disponibilità dell'amministrazione a collaborare con gli operatori, in quanto il Turismo è l'azienda motore dell'Alta Valle.

Continuando la chiacchiera con Bonseri davanti ad un bicchiere di vino, scopro che Beppe con il suo Sunny Valley partecipa insieme alla Casa Vinicola Rainoldi e al viticoltore Abele Branchi al progetto "Adotta un vigneto", che prevede il collegamento, l'unione della filiera, cioè di chi produce l'uva, di chi la trasforma, ed infine di chi ha il compito di promuovere e vendere il prodotto al pubblico.

Naturalmente qui incontriamo anche Aldo Rainoldi ed Abele Branchi, che ci raccontano nel dettaglio questa loro scommessa, per cui nei prossimi giorni dedicheremo su
http://www.italiadelvino.com/uno speciale sul progetto "Adotta un vigneto" lanciato e curato dalla Casa Vinicola Aldo Rainoldi.

Invasione del Rifugio Sunney Valley


Un bicchiere con Beppe Bonseri


Lasciamo la piacevole compagnia e scendiamo a valle fino alle Baite dei Sindaci, dove ci aspetta un
assaggio di deliziosi formaggi locali, abbinati con le pere e accompagnati dai celebri Sfursat valtellinesi provenienti dalle cantine Triacca, Rainoldi e Negri.

Infine giù di corsa fino alla seggiovia, sono ormai quasi le 17.00, per scendere a Santa Caterina, dove ci offriranno anche caffè, bisciola (dolce tipico valtellinese) e liquore.

Mentre la Manifestazione si conclude con il concerto di Andrea Parodi e Keko & Folkimia, ne approfitto per chiedere qualche impressione ad una delle volontarie, l'onnipresente Romani Michela, che nell'arco della giornata ho incontrato in tutte le tappe, o quasi, ogni volta gentile, puntuale e veloce. E' sicuramente stanca ma felice per la giornata: non capita tutti i giorni di soddisfare le aspettative di centinaia di persone di ogni tipo, giovani ed anziani, uomini e donne, cani e passeggini.

Concludiamo raccogliendo le ultime considerazioni da Filippo Compagnoni, che ammettere come si siano ispirati a manifestazioni già esistenti a Poschiavo e a Ponte di Legno, introducendo però una variante significativa: l'utilizzo degli impianti di risalita, arrivando fino a quasi 3.000m e facendo quindi vedere ai partecipanti anche
anche le montagne dell'Ortles-Cevedale e l'area sciabile.

Filippo mi conferma che Cammina e Gusta vuole essere un appuntamento fisso per l'ultima domenica di giugno, in quanto rappresenta il via ufficiale alla stagione estiva, che quest'anno si chiuderà il 12 settembre.

A questo punto la sfida è realizzare una manifestazione di chiusura della stagione all'altezza dell'apertura, ma Filippo mi assicura che ci stanno già lavorando.

   

Ricapitolando

Ora è davvero giunto il momento di lascare Santa Caterina, stanchi, ma abbronzati e soddisfatti di questa splendida edizione della Cammina e Gusta, in cui oltretutto sono stati fatti anche degli splendidi abbinamenti tra cibo e vino.

Cosa posso dire ancora: gli unici ad avere sbagliato sono quelli che non sono venuti.

Mauro Giacomo Bertolli

why women cheat on their husbands redirect click
viagra store go generic viagra super active plus
why people cheat in marriage redirect reasons wives cheat on husbands
husband cheated on me women cheat because click
read why people cheat in relationships reasons married men cheat
abortions pills abortion with pills misoprostol mifepristone
abortion pill pittsburgh online surgical abortion process
dating a married man my girl friend cheated on me click
dating sites for married people redirect unfaithful husband
bystolic card coupons for bystolic bystolic card
bystolic coupon card bystolic free trial coupon
cialis coupon 2015 read printable cialis coupon
cialis hrvatska blog.devparam.com cialis prodaja
azithromycin alkohol go azithromycin sandoz 500 mg
canesten open canesten gyno
coupons for prescription drugs cialis coupon coupons for cialis 2016

IN VETRINA
Az. Agr. Silvano Bolmida
Scheda Cantina »»